Unipol: sciopero per il contratto di Gruppo

Pubblichiamo un comunicato così come postato ieri su FB.

Dopo 3 mesi dì trattativa è scontro sul CIA per l’armonizzazione dei trattamenti dei dipendenti ex Unipol e FonSai,

Dopo 3 mesi di trattativa è scontro tra Sindacali e Gruppo Unipol sul nuovo contratto integrativo che avrebbe armonizzato ì trattamenti in essere tra lavoratori ex Unipol ed ex FondiaraSai.

A fronte dell’estrema disponibilità delle OO.SS., che responsabilmente avrebbero voluto proseguire la trattativa, l’Azienda con arroganza e spregiudicatezza ha dimostrato di non voler dialogare con i lavoratori attraverso il sindacato che li rappresenta.

Non accettiamo – dice Alberto Enzini, Segretario responsabile First Cisl del Gruppo Unipol – questa Impostazione di relazioni Industriali del tutto estranea e Incoerente con la storia del Gruppo, tesa a cancellare Il costruttivo e consolidato rapporto di confronto con I propri dipendenti e i loro rappresentanti sindacali. Amareggia, peraltro, e mi lascia basito, aver sentito dire che “far scioperare i lavoratori è da Irresponsabili”. L’Azienda ha interrotto la trattativa come atto di forza per conclamare con , propri dipendenti un nuovo modello rapportuale di stampo autoritario, quello che purtroppo dilaga nel nostro Paese

La mobilitazione, che parte domani con uno sciopero di 8 ore e una manifestazione davanti alla sede aziendale, vuole con forza ribadire la ferma convinzione che tutti i lavoratori debbano avere stessa dignità, con un contratto che riconosca a tutti la professionalità e la storia di provenienza.

Respingiamo   questo   atteggiamento   aziendale   che vuole modificare il modello di relazioni sindacali.

Non è in gioco solo il contratto, ma soprattutto la dignità e  il rispetto che meritano sindacati e lavoratori.

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.