SoSCall 2.2 il nuovissimo sistema satellitare di VIASAT

Quando ho preso la decisione di commercializzare i dispositivi satellitari di VIASAT offrendoli a tutti i miei clienti di Parco della Vittoria srl che sottoscrivevano una polizza con me ho chiesto di poterlo provare anch’io sulla mia autovettura.

VIASAT ha accolto con entusiasmo questa mia richiesta dotandomi dell’ultimo prodotto dell’azienda che mi risulterebbe essere ancora in fase di sperimentazione in sostituzione, sempre se ho capito bene del modello precedente 2.0.

Ma in realtà poco importa il tipo di modello montato in quanto a me interessa far capire sostanzialmente due cose:

  1. la scelta di un sistema satellitare non legato alla compagnia di assicurazione da la possibilità al cliente di sentirsi libero e non legato a vincoli imposti dall’assicuratore e all’intermediario di dare un servizio esclusivo riferito alla sua realtà e ancora una volta non legato alla sua mandante e quindi in caso di plurimandato rende molto più agevole la gestione del cliente auto.
  2. Il dispositivo che mi hanno montato, SoSCall 2.2 ha una caratteristica estremamente innovativa rispetto a quelli presenti sul mercato e cioè oltre a fornire la classica assistenza prevista per le scatole nere ed il contatto in viva voce con la centrale operativa ha una serie di funzioni fantastiche. Per esempio il sistema ci avvisa di situazioni di emergenza legate ad un incidente o ad un incrocio ad alta sinistrosità o ghiaccio sulla strada o quant’altro; il tutto attraverso una piacevole voce e suoni e quindi senza obbligarci a leggere indicazioni sul navigatore o quant’altro.

L’aver deciso di testare in prima persona il prodotto che andrò a commercializzare (cosa che faccio sempre), mi ha permesso di verificare, da una parte l’affidabilità di VIASAT e della sua rete di installatori, dall’altra di scoprire cosa significa guidare con prudenza. Andare a 70km all’ora in città è abbastanza frequente, ma essere avvisati che si sta superando il limite consentito del 40% è altra storia. Questo ci preserverà da eventuali sanzioni (per esempio dove ci sono radar), ma ci metterà al riparo anche da pericoli dovuti ad una velocità che se non eccessiva in valore assoluto risulta esserlo in città.

Ma cos’è SoSCall 2.2?

E’ il nuovo dispositivo di casa Viasat che, grazie al pulsante luminoso e al viva voce, è in grado di fornire informazioni preventive agli automobilisti, in tempo reale, sulla potenziale rischiosità della strada percorsa, in funzione di una serie di fattori come traffico, limiti di velocità, condizioni ambientali e metereologiche, strade pericolose e statistiche incidenti.

Tutto nasce sulla scorta dell’esperienza dell’IRV (Indice di Rischiosità Viasat), un algoritmo proprietario che combina 8 parametri che identificano un rischio specifico (posizione; velocità; orari e dati accelerometrici; rischio territorio, strada, orari e utilizzo del veicolo). Dall’IRV è nata la funzione Driving Safety Alert con alert luminosi e vocali, implementata sul nuovo dispositivo sosCall 2.2, oggetto anche della sperimentazione “Guida Sicuro: prevenire è meglio che rischiare”, promossa da Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale. Tale soluzione è in grado di fornire informazioni preventive agli automobilisti, in tempo reale, circa la rischiosità geo-referenziata delle diverse direttrici stradali, in funzione di una serie di fattori monitorati come appunto le condizioni ambientali e meteorologiche, le strade pericolose (Red Point) e le tratte ad alto rischio incidenti (Black Point ANIA/Viasat). Una mappa geo-localizzata che è stata resa possibile, grazie alla quantità di dati storici aggregati e accumulati da Viasat (oltre 8 miliardi di km/anno) ed elaborati nella nostra piattaforma di Big Data.

Le nuove tecnologie telematiche satellitari Viasat possono già oggi fornire un supporto alla rilevazione diretta di comportamenti di guida che potenzialmente potrebbero essere pericolosi per la propria incolumità o quella altrui, consentendo un’informazione preventiva in grado di evitare un potenziale incidente.

 

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *