SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS IN MATERIA DI INFORMATIVA, PUBBLICITÀ E REALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ASSICURATIVI

Prodotti e servizi innovativi, sistemi di relazione moderni e sopratutto: DIGNITÀ! Si perchè purtroppo sempre di più l'intermediario assicurativo abdicando il proprio ruolo perde dignità!

Ci siamo. Le nuove disposizioni in materia di informativa e realizzazione dei prodotti assicurativi che recepiscono il nuovo quadro normativo introdotto dalla disciplina europea (Direttiva IDD e Regolamento PRIIPs), intendono rafforzare i presidi di tutela del contraente e potenziare l’utilizzo di strumenti digitali nel mercato assicurativo.  Un principio giusto che però, a nostro avviso non tutela l’intermediario che si troverà a perdere la gestione della propria clientela a partire dal secondo anno per quanto riguarda l’incasso dei premi e da subito per tutto il resto. Infatti il cliente, attraverso una sorta di “home banking assicurativo” potrà gestirsi direttamente il proprio contratto assicurativo.

Il documento, “Documento consultazione 6/2018” è ancora in pubblica consultazione, ma temo fortemente che alla fine il testo definitivo sarà il seguente:

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 6/2018

SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS IN MATERIA DI INFORMATIVA, PUBBLICITÀ E REALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ASSICURATIVI, PREVISTI DAL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 – CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

 

 

 

Art. 42

(Aree riservate)

  1. L’impresa prevede sistemi informatici per la gestione telematica dei rapporti assicurativi dei contraenti mediante accesso ad aree riservate.
  2. I sistemi informatici consentono di gestire i rapporti contrattuali, permettendo di effettuare almeno le seguenti operazioni:

a) il pagamento del premio assicurativo successivo al primo;

b) le richieste di rimborso e liquidazione del sinistro;

c) la modifica dei propri dati personali;

d) la richiesta di riscatto;

e) la richiesta di sospensione della garanzia, se prevista dal contratto, e la relativa riattivazione.

  1. I sistemi informatici consentono di ricevere i dati relativi ai rapporti assicurativi in essere, permettendo di consultare almeno le seguenti informazioni:

a) le coperture assicurative in essere;

b) le condizioni contrattuali sottoscritte;

c) lo stato dei pagamenti dei premi e le relative scadenze;

d) per le polizze vita e per i prodotti d’investimento assicurativi, anche il valore di riscatto della polizza;

e) per i contratti unit linked e i contratti index linked, anche il valore della posizione sulla base della valorizzazione corrente delle quote o del valore di riferimento;

f) per i contratti di responsabilità civile per la circolazione dei veicoli a motore, anche l’attestazione sullo stato del rischio;

g) il/i nominativo/i e relativi dati anagrafici, il codice fiscale e/o la partita IVA italiani o esteri, i recapiti anche di posta elettronica dei soggetti di cui all’articolo 11, comma 4, lettere a) e c), del presente Regolamento, e nel rispetto del Regolamento (UE) 2016/679 del 27 aprile 2016;

h) l’eventuale sospensione della garanzia e relativa riattivazione.

Un cambiamento epocale che accelera il processo di delegittimazione dell’intermediario nella gestione della propria clientela. Forse, adesso, anche i più scettici comprenderanno che è giunto il momento di rinnovarsi ritornando ad essere protagonisti nel settore, ma come? Non certamente seguendo la strada proposta da alcuni di una formazione da “venditori” o peggio di esperti di social. Non è questo quello che un intermediario assicurativo deve fare per poter rimanere un protagonista indiscusso del settore.

Bisogna trovare strade alternative che passando dalla digitalizzazione dei rapporti, dalla digitalizzazione dei processi trovi nella consulenza specifica e di livello la vera chiave di fidelizzazione della clientela.

Prodotti e servizi innovativi, sistemi di relazione moderni e sopratutto: DIGNITÀ! Si perchè purtroppo sempre di più l’intermediario assicurativo abdicando il proprio ruolo perde dignità!

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.