L’agente verso un’ analisi delle esigenze della clientela. Soluzione il plurimandato!

L’agente e la sua organizzazione sono determinanti per poter approfondire l’analisi delle esigenze sia razionali, sia emozionali della clientela», ha risposto Mossino. «Sono determinanti per calibrare una soluzione che sia effettivamente personalizzata». Poi una bacchettata a un Europa che, ha evidenziato l’agente UnipolSai, «vorrebbe tanto tutelare a parole il consumatore, ma lascia poi a desiderare in certe pieghe…..». Sono le parole contenute in un articolo di TUTTOINTERMEDIARI.IT a cui vi rimando in quanto a mio avviso molto interessante.

Personalmente da sempre sostengo che se gli aegnti vorranno continuare ad essere il riferimento della clientela dovranno seguire proprio questa strada. Ma basta questo? Assolutamente no. Bisogna fare di più, bisogna partire dal decreto Bersani, poi convertito in legge.

IL DECRETO BERSANI SULLE ASSICURAZIONI

Liberalizzazioni Bersani 1

L. 248/2006

ART. 8

– ISTITUZIONE DEL C.D. “AGENTE PLURIMANDATARIO”

– TRASPARENZA NELLE PROVVIGIONI RC AUTO

Art.8
Clausole anticoncorrenziali in tema di responsabilità civile auto

  1. In conformità al principio comunitario della concorrenza e alle regole sancite dagli articoli 81, 82 e 86 del Trattato istitutivo della Comunità europea, dalla data di entrata in vigore del presente decreto e’ fatto divieto alle compagnie assicurative e ai loro agenti di vendita di stipulare nuove clausole contrattuali di distribuzione esclusiva e di imposizione di prezzi minimi o di sconti massimi per l’offerta ai consumatori di polizze relative all’assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile auto.
  2. Le clausole contrattuali che impegnano, in esclusiva, uno o più agenti assicurativi o altro distributore di servizi assicurativi relativi al ramo responsabilità civile auto ad una o più compagnie assicurative individuate, o che impongono ai medesimi soggetti il prezzo minimo o lo sconto massimo praticabili ai consumatori per gli stessi servizi, sono nulle secondo quanto previsto dall’articolo 1418 del codice civile. Le clausole sottoscritte prima della data di entrata in vigore del presente decreto sono fatte salve fino alla loro naturale scadenza e comunque non oltre il 1° gennaio 2008.
  3. Fatto salvo quanto disposto dal comma 2, costituiscono intesa restrittiva ai sensi dell’articolo 2 della legge 10 ottobre 1990, n. 287, l’imposizione di un mandato di distribuzione esclusiva o del rispetto di prezzi minimi o di sconti massimi al consumatore finale nell’adempimento dei contratti che regolano il rapporto di agenzia di assicurazione relativamente all’assicurazione obbligatoria per responsabilità civile auto.
    3-bis. All’articolo 131 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, dopo il comma 2 sono inseriti i seguenti:
    «2-bis. Per l’offerta di contratti relativi all’assicurazione r.c. auto, l’intermediario rilascia preventiva informazione al consumatore sulle provvigioni riconosciutegli dall’impresa o, distintamente, dalle imprese per conto di cui opera. L’informazione e’ affissa nei locali in cui l’intermediario opera e risulta nella documentazione rilasciata al contraente.
    2-ter. I preventivi e le polizze indicano, in modo evidenziato, il premio di tariffa, la provvigione dell’intermediario, nonché lo sconto complessivamente riconosciuto al sottoscrittore del contratto».

Cosa vuol dire questo, che oggi il monomandato non esiste più! Sembrerebbe però che molte mandanti non se ne siano ancora rese conto, impendendo con qualsiasi mezzo ai propri intermediari di agire in regime di libertà di rappresentanza (plurimandato). Questo perché gli intermediari non hanno capito che non ha senso per un agente che rappresenta una delle prime compagnie italiane, prendere come altro mandato quello di una compagnia minore. Sono convinto che la soluzione è diversa. Il secondo mandato dovrebbe essere con una compagnia di pari importanza della prima, proprio per metterle in reale competizione e garantire al cliente finale il miglior prodotto disponibile sul mercato.

Un salto epocale a cui prima o poi si arriverà, difficile da perseguire, ma già con qualche esempio sul nostro territorio.

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.