Il primo amore non si scorda mai!

Nel 2003 muore Winterthur in Italia, non muore nel mio cuore. Continuo a lavorare per lei fino al 2010…ancora 7 anni di passione. Poi però il gigante Unipol la distrugge definitivamente. L’integrazione prima in Aurora e poi in Unipol cancellano le tracce della nostra azienda. Non riescono però a cancellare i sentimenti nel cuore di chi l’ha vissuta. Gli ex Winterthur si integrano fisicamente, ma il loro cuore continua a battere per lei.

Tutti gridano al successo; una integrazione perfetta. Balle, gli ex Winterthur non si sono mai integrati, non possono farlo, la differenza di modo di essere è evidente. Winterthur era “umana”, rispettosa del passato di tutti, una azienda dove tutto e tutti remavano nella stessa direzione.

Lo dimostrano le cene degli ex Dirigenti e le cene degli ex dipendenti. Continuiamo a farle e continuiamo a volerci bene, di un bene intenso e profondo. Non importa cosa oggi facciamo, il tempo per noi si è fermato, sentimentalmente parlando alla nostra Winterthur.

Agenti e dipendenti legati da un sentimento forte, legati dal rispetto e dalla memoria di quei colleghi che oggi non ci sono più e che hanno fatto grande la nostra compagnia.

Oggi, a distanza di 8 anni, se mi giro indietro non vedo Unipol, ma vedo gli ex colleghi Winterthur e gli ex colleghi Aurora, gli unici che hanno saputo rispettare il nostro amore per quella compagnia Svizzera che ci ha dato tanto e che ci ha fatto sentire straordinariamente unici.

Winterhur Assicurazioni non morirà mai fino a quando sarà in vita l’ultimo dipendente di quella che per me è stata una :

Straordinaria Avventura!

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leonardo Alberti