Cosa le assicurazioni possono imparare da Google

Il tempo è denaro

Abbiamo mantenuto lo stesso titolo del post scritto da Michele Treglia sul suo Blog perché ci sembrava corretto nei suoi confronti.

Non vogliamo quindi riscrivere l’articolo in toto in quanto basta che andiate sul suo blog e lo potrete leggere comodamente traendone, a nostro avviso, spunti interessanti per la vostra professione. Quello che ci interessa è approfondire il primo punto del suo post:

20% del Tempo

In particolare è interessante capire come Google richieda ai propri dipendenti di impiegare il 20% del loro tempo a studiare tematiche nuove che li appassionano. Sai cosa significa? Che 1 giorno a settimana lo dedicano ai propri progetti e ad esplorare nuovi mercati. Passioni, qui si parla di passioni, cioè lavorare su quella cosa che ti senti dentro e che fa parte di te. Questo “gioco” in Google ha tirato fuori prodotti come: Gmail, AdSense, Google Talk e Google News.

Tutte le volte che ci siamo occupati della risorsa sociale “Tempo” abbiamo sottolineato l’importanza di dedicarne un pezzettino ad approfondire tematiche appassionanti. Leggere oggi che GOOGLE fa esattamente ciò con i propri dipendenti ci riempie di gioia.

Quando vado in aula dico sempre ai convenuti che il lunedì mattina ed il venerdì pomeriggio dovrebbero essere momenti di “limbo professionale”. Cosa vuol dire questo?

Semplicemente che il lunedì mattina si va in ufficio, si spegne il cellulare, non si leggono le mail e si comincia a pensare, disegnando magari su di una lavagna a fogli, le idee di innovazione e di miglioramento del business e delle nostre performance.

In quelle 4h è tassativamente vietato vedere gente, essere disturbati e sopratutto leggere le mail! Analoga attività dovrebbe essere fatta il venerdì pomeriggio, dedicando le ultime 4h della giornata al consolidamento delle idee messe in piedi il lunedì mattina definendone quindi i piani di azione e i benefici che essi potranno portare alla nostra organizzazione.

Per il resto vi rimando al post di:

Michele Treglia

Michele Treglia già durante il conseguimento della laurea in Ingegneria all’Università degli studi di Firenze, ha iniziato la sua carriera occupandosi di progetti in ambito assicurativo e digitale. Focalizzato su come le nuove tecnologie e i nuovi modelli di business possano impattare sul mercato assicurativo, scrive contenuti riguardanti la trasformazione “Insurance to Insurtech”, collabora come insurtech consultant per alcune società profit ed organizzazioni no profit di rilievo nel settore digital. Formatore alle Compagnie sul tema della “Digital Transformation” ed “Insurtech Trends”.

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *