Ci vogliamo dare una mossa! Non c’è più tempo!

Non posso stare ad osservare l’incompetenza del governo in termini di provvedimenti assicurativi. Il nostro settore è già abbastanza rovinato dalla incapacità di innovazione, dalle troppe norme che seppur emanate a tutela del consumatore in realtà non tutelano nessuno; anzi incrementano i costi di gestione, allungano i tempi e ingessano il settore.

Nessuno in realtà ha il coraggio di parlare; ANIA non parla, le singole compagnie non parlano, gli intermediari…tacciono.

Sarebbe necessario un processo di rivitalizzazione del nostro settore, un cambiamento radicale sui comportamenti. Le regole del gioco oggi sono diventate obsolete, nessuno ha ben chiaro il futuro del mercato assicurativo. Tutto è incentrato nella ricerca di “redditività”…

Cultura e professionalità! Non basta una digitalizzazione per risolvere il problema; tutti gli attori debbono rimboccarsi le maniche e ricostruire il mondo delle polizze.

Concentriamoci sulla relazione, sulle reali necessità di “messa in sicurezza degli e(a)ffetti del cliente”. Dobbiamo cambiare e dobbiamo farlo in fretta.

Perché nessuno si adopera per un vero cambiamento? Perché non prendiamo spunto da quello che succede ed è successo in mercati più maturi del nostro?

Non dimentichiamoci la grande verità del nostro business: il ciclo invertito:

SVEGLIA! Se non ci diamo una mossa fra poco non ci saremmo più…lasciamo perdere il business auto o meglio lasciamo perdere il cliente monopolizza auto che fa del prezzo la sua scelta. Lasciamo questi clienti alle dirette…aiutiamoli a fare le polizze con le dirette e noi torniamo a fare gli assicuratori. Ricordiamoci che:

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leonardo Alberti