Alla mia età non pensavo di cadere nella trappola del reagire, vi chiedo scusa

Sì, vi chiedo scusa per aver abboccato al tranello di una persona che non stimo, ma quando si subiscono dei torti nella vita si reagisce a volte senza pensarci. Stavo per ricaderci anche questo fine settimana in quanto ad un altro personaggio del mondo della formazione, questa volta di livello professionale sicuramente più elevato rispetto al primo, gli ho scritto un WhatsApp informandolo che mi erano giunte segnalazioni di apprezzamento della sua opera, ma che in un corso con altri formatori quest’ultimi non erano stati così apprezzati.

La reazione:

Tu non hai nessuna capacità ed è bene che lo accetti e puoi continuare quanto vuoi con i tuoi articoli ma non ti porteranno nessun risultato… Invece di criticare chi fa risultati dovresti collaborare per sfruttare la scia, ma è evidente che non lo capisci…” (riconosco che la frase faceva parte di un ragionamento più ampio che cominciava con …Leonardo mi fa piacere che mi contatti così so che ti arriverà il mio pensiero. Sai cosa, sei tu il primo ad avere avuto un comportamento denigratorio anche nei miei confronti senza che io avessi fatto nulla.)

Debbo dire che affermare che una persona è priva di ogni capacità è piuttosto forte! A questa persona consiglierei di leggere quanto scritto dagli agenti alla Direzione Generale di Unipol:

15 Luglio 2010

Abbiamo appreso con sorpresa che il dott. Leonardo Alberti non è più presente nel nuovo organigramma aziendale.

Pur non conoscendone le ragioni, questa esclusione è per tutti noi motivo di grande perplessità.

Il dott. Leonardo Alberti rappresenta per tutti gli Agenti, e non solo per quelli di provenienza di una delle società del gruppo, un punto di riferimento importante nel complesso sistema di rapporti e di relazioni che intercorrono fra gli Agenti e la Direzione Generale.

In tutti questi anni, nei diversi incarichi ricoperti, il dott. Alberti ha costantemente dimostrato di saper coniugare in modo esemplare i suoi doveri e le sue responsabilità di Dirigente della Compagnia con l’attenzione ai problemi ed alle necessità della rete agenziale, conquistando la stima, la fiducia ed il rispetto di tutti gli Agenti.

Nell’attività svolta dal dott. Alberti sono, infatti, pienamente riconoscibili tutti quei principi e valori contenuti nella Carta dei Valori della nostra Compagnia.

Ci sembrerebbe, pertanto, strano ed inquietante che una Compagnia la cui attenzione verso i propri collaboratori è dimostrata dalla permanenza in servizio di persone che hanno da tempo superato i limiti della quiescenza, rinunciasse così facilmente ad un Dirigente giovane, di comprovata esperienza e di indiscusse qualità professionali.

E’ nostra opinione che per una Compagnia proiettata al futuro, dirigenti come il dott. Alberti debbano, invece, rappresentare punti fermi e risorse irrinunciabili.

Con i migliori saluti

Seguono le firme autografe di oltre 400 agenti.

Ecco perché non posso accettare l’accusa: Tu non hai nessuna capacità…

Francamente non ricordo di aver mai parlato male di costui, ricordo un articolo in cui dicevo che tutti parlano di vendita nelle assicurazioni e forse, non ricordo bene, posso aver detto che lui, come del resto risultava dal suo CV pubblico, non aveva mai venduto assicurazioni e quindi qualche dubbio lo avevo.

Certo di una tale reazione sono rimasto stupito anche perché la persona in questione non la conosco e sopratutto è una di quelle di cui il mercato parla bene in relazione alla sua capacità di gestione dell’aula. Certo, vista la reazione nei miei confronti, mi fa capire che il mio pensiero è stato da lui mal interpretato e di questo chiedo scusa non tanto a lui in quanto non l’ho denigrato, quanto a coloro che avendo partecipato ai suoi corsi si sono sentiti offesi dalle mie parole.

Lungi da me l’intenzione di offendere chicchessia, ho semplicemente espresso una mia opinione.

La cosa però mi ha insegnato che nella vita bisogna farsi gli affari propri e non mettere sul chi va la professionisti seri che creano alleanze che potrebbero loro nuocere in termini di immagini.

Dirò di più; anche il fatto che io dica agli intermediari di fare attenzione a quei corsi dove si promettono elisir di lunga vendita o ricette magiche per vendere di più, non ha senso. Chi sono io per dirlo? Solo una persona di buon senso che ha 35 anni alle spalle e che nel nostro settore qualche piccolo successo personale lo ha portato a casa.

Che gli intermediari continuino ad occupare le aule a 100 e rotti euro, che decidano di buttare pure i loro soldi anche perché i corsi con più di 30 persone in aula, è un mio modestissimo parere, nel mondo delle polizze non hanno molta efficacia. Personalmente sono contrario alle ammucchiate da stadio a meno che a parlare non sia Velasco o qualche “vero Guru” americano; lì sì che si tratta di eventi spettacolo che hanno come unica finalità la motivazione. Non penso si possa parlare di marketing o peggio di digitale a più di 20 persone per volta.

Ai chi cerca di mettere in discussione la mia autostima o peggio a chi pubblicamente offende la mia persona con falsità facilmente riconoscibili dico solo:

“se pensi di soffrire di troppa autostima, chiediti se non sei circondato da stronzi!”

Scrivi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *